Hong Kong: le picchiatrici di cattivi

Sono a passeggio per Hong Kong.

Stranamente piove.

Mi rifugio sotto un cavalcavia e le vedo, nel loro splendore, tutte anziane, sdentate e sorridenti, le PICCHIATRICI DI CATTIVI.

20160905_125634

Una picchiatrice che si fa pubblicita’

È un richiamo irresistibile per me. Sorrido a tutte, cerco di comunicare ma ovviamente parlano solo in cantonese, non mi sono di aiuto neanche le due parole che conosco in mandarino. Scelgo la picchiatrice con meno denti, per simpatia, ha i capelli unti tenuti indietro da pettinini di ferro arruginiti, una splendida maglia fiorata, le unghie lunghe e ingiallite. La adoro già.

Mi fa accomodare su uno sgabellino basso, mi consegna un mazzetto di fogli stampati di colori e forme diverse, sono ripiegati uno sopra l’altro, mi fa scrivere il mio nome sul primo e deposita il tutto sull’altare rosso, fra le statuine degli dei e le arance. Estrae sapientemente da una latta della Del Monte cinque bastoncini di incenso, due grandi cerati che userà per appiccare il fuoco a tutti i miei foglietti durante la sessione, tre normali che mi infila fra le mani che devo continuamente scuotere in segno di fede e preghiera.

20160905_114349

il mio personalissimo altare

Dalla mia c’è che ho un elenco di cattivi da far picchiare abbastanza lungo e conoscenze di magia nera cubana da fare invidia a qualsiasi megera…inizio a pensare a chi vorrei dare qualche mazzata, a dove recuperare foto per il malocchio (FB è  una buona risorsa per questo, #sapevatelo) a dove trovare pezzi di DNA per la macumba. Ma le vecchiette cinesi non sono così malefiche come le cubane, loro non fanno il malocchio a nessuno ma te lo tolgono, ti proteggono dagli spiriti cattivi e ti benedicono, meno santere e più esorciste diciamo.

Infatti la mia vecchietta prende il primo foglio del mio blocchetto personale. È  una velina bianca con stampe di soggetti che richiamano alla mente cose cattive: serpenti, draghi, maiali (???), coltelli, sagome di uomini e donne, nuvole nere, ragni.

Il foglio viene passato sopra l’incenso e mostrato alle statuine come a dire:

“Hey amici dei, li vedete questi brutti ceffi che vogliono male alla Maurina, mo’ li campiamo di mazzate!”

Poi viene appoggiato sopra un mattoncino. La picchiatrice prende una ciabatta rinforzata con lo scotch e inizia a cantilenare in cantonese e a picchiare di brutto il foglietto, lo gira, lo rigira, lo pesta finché del foglietto non rimane quasi nulla. Per non rischiare che qualche spirito malvagio sia rimasto intatto, i rimasugli vengono depositati nella pancia di una tigre di carta che viene data alle fiamme in un secchio di latta.

Mi sento liberata dal male e alleggerita dagli spiriti…non fosse per il contenitore della Del Monte Tomato Ketchup utilizzato come porta-incensi che mi distrae, quasi ci crederei…

20160905_125550

DEMM

Adesso arriva la parte della benedizione….non sto a farvela tanto lunga perché è  decisamente più banale:  carezze con fogli sulla schiena, botte con altri fogli sulle mani, cerchi di fuoco intorno alla testa, spargimento di chicci di riso a destra e a sinistra, tutto rigorosamente a ritmo di cantilena…sembra un rosario.

Fatta. È  finita. Per soli 5 euro sono libera dai cattivi e protetta, pronta per un nuovo giro sotto la pioggia.

Mi sono talmente divertita che abbraccio la vecchietta. Mi guarda basita, le spiego che noi italiani abbracciamo, non capisce ma sorride senza denti.

Ha il viso pieno di rughe, sembra abbia cento anni. La adoro.

Questa voce è stata pubblicata in Cina, Espatriati, expat, GentePazza, Hong Kong, magia, malocchio, streghe, Usi e Costumi, viaggi e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...