A Cosa Servono Le Mani

Ieri mattina ho fatto una lezione di meditazione diversa dal solito. Ci siamo sdraiati con il blocco da yoga posizionato dietro alla schiena in modo da aprire il torace e il Chakra del cuore. Bisognava ripetere il Mantra legato a questo Chakra (YAM) continuamente e concentrare la mente sul cuore. Per chi non ha mai fatto meditazione probabilmente questo lascia perplessi, ad alcuni farà anche ridere. Ma quando ti trovi lì, segui attentamente le istruzioni della voce calda e rassicurante del Master, ti lasci cullare da questo Yammmmm continuo e ripetuto da 10 voci diverse, lasci che la vibrazione passi dalle tue labbra alla gola e giù fino al centro del tuo petto, rilassi il corpo e “lo perdi” sul tappetino,

Continue reading

Hong Kong: Il Playground

Mi capita a volte di dover pensare, o di dover smettere di pensare. Ho la testa che produce pensieri, scenari possibili o impossibili, immagini. Sono praticamente un multisala.  Così  scelgo un posto, che diventa il MIO posto dove vado a  riflettere, o a smettere di riflettere. Mi calmo, scrivo mentalmente discorsi da fare, cerco soluzioni, faccio ordine, prendo decisioni, zittisco pensieri rumorosi. Da ragazzina andavo “al lago”, il campeggio dei miei genitori, un villaggio di roulottes in mezzo al verde. Scavalcavo la rete e mi arrampicavo sulla collinetta sopra ai bagni. Lo so avrei potuto trovare un posto migliore, più  pulito e profumato. Ma i posti, come le persone e i momenti non si scelgono, arrivano così e te li tieni. Da lì

Continue reading

Hong Kong: La Pazienza Delle Mamme

Tutti dicono che la pazienza la si impari quando si diventa mamma, ed evolva con l’età del bambino. Inizia da subito, durante le ore di tortura del travaglio. Quando ti dicono di respirare e di non contrarre la pancia, che passa, sono solo un paio di ore (o di giorni per le meno fortunate) che poi mica stai morendo, stai dando alla luce un bambino. Quindi respira, urla parolacce, pensa le peggio cose riguardo a tuo marito che ti ha fatto questo, odia l’ostetrica, spegni la luce, accendi la luce, cammina, sdraiati, manda a cagare l’infermiera con il succo di frutta, ma mi raccomando, porta pazienza. Le notti passate a camminate per la casa fredda e buia con il fagottino

Continue reading

Il Momento, per Sempre

“Per sempre solo per sempre cosa sarà mai portarvi dentro solo tutto il tempo per sempre solo per sempre c’è un istante che rimane lì piantato eternamente” Luciano Ligabue Il cervello, che mistero. Mi chiedo cosa scatti dentro la nostra scatola cranica quando viviamo “nel momento”, quando siamo così lucidi e presenti che tutto si fa chiaro e limpido, e quel momento, bello o brutto che sia, è  talmente intenso che ci si conficca nella materia grigia e niente, non riusciamo più a rimuoverlo. Perché poi proprio “quel momento” e non altri. Quel ricordo che  sta’ lì e riaffiora non solo nelle immagini, ma nei colori, nelle emozioni provate, nell’odore, nel suono della voce di chi era con noi. Non parlo di ricordi di avvenimenti,

Continue reading